Progetto

Il progetto architettonico: costruire per i prossimi cento anni

Il progetto di espansione del Centro Europeo è in linea con i valori e lo stile consueti del Buddhismo della Via di Diamante, ovvero la volontà di costruire senza indebitarsi e nel più breve tempo possibile. Il piano di lavoro vuole inoltre rispettare la struttura originale della tenuta Gut Hochreute e si propone di lavorare principalmente con società locali e regionali, utilizzando materiali naturali, come il legno e il vetro, e coerenti con la struttura originaria. Questo per ottenere un risultato che possa durare nel tempo (almeno 100 anni!) e rendere minimo l’impatto ambientale.

Il progetto consiste di quattro principali aree di ampliamento – edificare una nuova struttura per residenti, ospiti e partecipanti ai diversi corsi e seminari; ricostruire il fienile per creare una nuova e ampia sala di meditazione (il gompa) e una grande cucina comune con annessa un’area dedicata al ristoro; realizzare un deposito per gli utensili necessari al mantenimento dell’area; sistemare l’assetto paesaggistico delle aree esterne. Con questo progetto sarà possibile sfruttare completamente più di 4.200 mq interni agli edifici e circa 3.000 mq nelle aree esterne.

Esplora le diverse sezioni qui sotto:

La ristrutturazione del fienile e il nuovo grande gompa, la cucina e altro (1200 mq)

Il primo piano dell’esistente fienile assumerà la funzione più nobile del Centro Europeo: diventerà il gompa. Con uno spazio disponibile di circa 570 mq, ci sarà spazio per eventi cui potranno partecipare anche diverse centinaia di persone.

Allo stesso modo, la grande cucina comune al piano inferiore e la sala da pranzo di 250 mq renderà possibile a molte persone mangiare insieme in un luogo confortevole. Insieme al grande gompa al piano superiore, questi servizi permetteranno al Centro Europeo di ospitare importanti eventi lungo tutto il corso dell’anno, senza bisogno di affittare o montare tra l’altro tensostrutture, bagni, possibilità che al momento, specialmente in inverno, non è possibile. Il corso estivo internazionale, con diverse migliaia di partecipanti, rimarrà quindi in futuro l’unico evento a richiedere infrastrutture aggiuntive.

Minor impatto maggior connessione

Utilizzare le risorse locali significa risparmiare sia a livello ecologico che energetico. È anche un modo per rendere omaggio ai precedenti proprietari di Gut Hochreute, che sono stati i primi a piantare la foresta cento anni fa. Mentre parte delle riserve forestali è utilizzata, verranno piantati nuovi alberi; questo è un “regalo” destinato anche alle generazioni che verranno.

I nuovi edifici per residenti, ospiti & seminari (2500 mq)

L’edificio a forma di “L” di circa 2500 mq metterà a disposizione dei residenti e degli ospiti nuovi spazio abitativi. Il progetto fonde l’esperienza decennale di molti centri residenziali della Via di Diamante e le risorse architettoniche più all’avanguardia. Da notare che la costruzione sarà interamente in legno: verrà usato il nostro legname, proveniente dai nostri boschi, in modo da risparmiare su materie prime, trasporto e altri costi relativi.

Molti fattori sono stati presi in considerazione: praticità per i residenti, basso impatto ambientale , uno stile architettonico in armonia con l’ambiente e con gli edifici di Gut Hochreute (che sono sotto tutela culturale), oltre alla capacità di ospitare la grande varietà di attività che un grande centro buddhista internazionale come questo ospita.


Aree di lavoro (500 m2)

Nella parte posteriore dell’attuale fienile verranno costruite aree di lavoro dedicate ai diversi progetti, un deposito per le attrezzature, alcuni garage destinati alle macchine leggere e pesanti e altre aree adibite a magazzino.

Questa nuova costruzione sarà perfettamente integrata con il contesto: arrivando dall’entrata della tenuta sarà possibile vedere solo il giardino, mentre ponendosi nella parte alta della collina sarà visibile unicamente una piccola sezione della struttura che sarà coperta da un tetto verdeggiante. Dietro l’attuale fienile vi saranno laboratori, magazzini per gli attrezzi, garage per veicoli leggeri e pesanti e depositi.

Interventi sul panorama, lavori esterni e altro (3000 mq)

Le aree esterne, che circondano sia gli edifici originali che le aree destinate alle nuove costruzioni, verranno rinnovate. L’intento principale sottostante i lavori sarà quello di preservare le caratteristiche naturali dei luoghi e l’incanto originale degli spazi. Tutte le problematiche di natura ambientale verranno discusse insieme a specialisti e successivamente dovranno avere l’approvazione delle autorità locali. Tra i progetti possono essere elencati:

  • percorsi, terrazze, piccoli spiazzi e pergolati;
  • una terrazza di 150 mq dove sarà possibile montare dei tavoli (la terrazza sarà sita di fronte al fienile): immaginate mangiare con gli amici sotto l’ombra di antichi alberi di castagno…
  • la “Casa di Mahakala”: l’originale ghiacciaia diventerà la dimora del protettore principale del nostro lignaggio;
  • la “Casa della ruota del dharma”: l’attuale spazio adibito alla lavorazione della legna diventerà un edificio che conterrà una grande ruota in cui saranno intarsiati dei mantra. Farla ruotare contribuirà a diffondere buone impressioni nelle menti di chi la farà girare e nel mondo intero.

Casa dell'anno

Dietrich & Untertrifaller ha vinto il premio “Casa dell’anno 2011” della più diffusa rivista tedesca specializzta, Häuser, con un progetto che ha uno stile simile a quello del progetto per il Centro EuropeoE. Continua a leggere (solo in tedesco)

Il progetto delle nuove costruzioni è stato realizzato da Ronald Gnaiger e da Helmut Dietrich, dello studio architettonico Dietrich Untertrifaller con sede a Bregenz, in Austria. Questi professionisti conosciuti in tutto il mondo hanno cercato di accogliere ogni nostra esigenza, desiderio o idea – spesso lontani dagli standard usuali – e di tradurle in soluzioni eleganti, ad alto rendimento energetico e in grado di sostenere agevolmente il livello di attività del Centro Europeo.

L’intero progetto è seguito anche da Ronald Knaack di Amburgo per conto della Fondazione Internazionale del Buddhismo della Via di Diamante. Professionista di grande esperienza, Ronald è stato per diversi anni l’architetto di riferimento del centro buddhista di Amburgo e ha collaborato a numerosi progetti legati alla Via di Diamante nel mondo.

  • 2010 – metà 2011 – Preparazione (piani per il progetto, documentazione architettonica, preparazione della campagna)
  • 8 Ago, 2011 – Inizia la campagna di raccolta fondi moreEC, con lancio ufficiale il 08-08-2011 (alle 00:08)
  • 8 Ago – 31 Dic, 2011 – Campagna internazionale di raccolta fondi. L’obbiettivo è di raccogliere 8 milioni di euro attraverso donazioni dirette o promesse di donazioni. La fase di costruzione non potrà avere avvio se non verrà raccolta una cifra sufficiente.
  • Apr 2012 – Ago 2013 – Costruzione del grande gompa, dei nuovi edifici, delle aree di lavoro e delle aree esterne
  • Ago 2013 – Inaugurazione: celebrazione del nuovo Centro Europeo durante il corso estivo internazionale.
Overview
New big gompa
New building
Woking area
Outside work
Architect team
Project timeline

“Stiamo costruendo per durare cent'anni”, Lama Ole Nydahl